Uma semana depois o sentimento piora ReputationUP

La Reputazione Online Di Florentino Pérez Dopo Il Fallimento Della Superlega Europea [CASE STUDY]

Uno studio di ReputationUP ha analizzato la reputazione online di Florentino Pérez, l’attuale presidente del Real Madrid ora anche presidente della Superlega europea.

Attraverso questa analisi, esaminiamo il sentiment e la percezione di Florentino Pérez, a seguito del fallimento della nuova competizione.

Cos’è la Super League Europea?

La Superlega Europea è una nuova competizione calcistica, esterna rispetto al circuito della UEFA, a cui partecipano le squadre più importanti del continente.

I dodici team fondatori sono:

  • AC Milan;
  • Arsenal FC;
  • Atlético de Madrid;
  • Chelsea FC;
  • FC Barcelona;
  • FC Internazionale Milano;
  • Juventus FC;
  • Liverpool FC;
  • Manchester City;
  • Manchester United;
  • Real Madrid FC;
  • Tottenham Hotspur.

Di questi dodici che avevano inizialmente aderito, ad oggi ne rimangono solo tre. Tutti gli altri si sono ritirati pochi giorni dopo l’annuncio della partecipazione.

La ritirata delle squadre 

Le sei squadre inglesi sono state le prime ad abbandonare il progetto.

La ritirata delle squadre ReputationUP

Il rifiuto della competizione da parte dei tifosi ha portato al ritiro di Arsenal FC, Chelsea FC, Liverpool FC, Manchester City, Manchester United e Tottenham Hotspur.

Le squadre inglesi

Il primo passo è stato fatto dal Manchester City, con un breve comunicato stampa:

“Il Manchester City conferma di aver avviato le procedure formali per dimettersi dalla sua posizione nel gruppo che prevedeva la creazione della Superlega Europea”.

A seguire, anche le altre squadre hanno annunciato il ritiro, due giorni dopo aver confermato la propria presenza.

L’opposizione dei tifosi e degli stessi giocatori delle società ha imposto un cambio di rotta ai fondatori.

Raheem Sterling, giocatore del Manchester City, ha pubblicato un tweet in cui, salutando con una mano, diceva “Ok bye”.

Le squadre inglesi ReputationUP

Le squadre italiane e l’Atletico Madrid

Il giorno dopo, Atletico Madrid, FC Internazionale Milano e AC Milan hanno seguito le orme delle squadre inglesi. Si legge nel comunicato stampa.

“Il consiglio di amministrazione dell’Atletico Madrid ha deciso di comunicare formalmente alla Superlega e al resto dei club fondatori la sua decisione di non ufficializzare la sua adesione al progetto”.

A sua volta, la Juventus FC, principale promotore dell’iniziativa insieme al Real Madrid CF, ha annunciato in un comunicato ufficiale, la difficoltà di proseguire con il progetto:

“Juventus, pur rimanendo convinta della fondatezza dei presupposti sportivi, commerciali e legali del progetto, ritiene che esso presenti allo stato attuale ridotte possibilità di essere portato a compimento nella forma in cui è stato inizialmente concepito”.

FC Barcelona e Real Madrid CF continuano, ancora oggi, nel progetto della Superlega Europea, nonostante il ritiro delle altre squadre lo abbia ormai fatto naufragare.

L’opposizione alla Superlega Europea

UEFA, FIFA, federazioni nazionali, governi e squadre di calcio, si sono tutti pronunciati rispetto alla nuova competizione.

Le squadre tedesche e francesi

Il Bayern Monaco, attraverso un comunicato stampa, ha dichiarato che la Superlega non era la soluzione all’impasse economico, tornando invece a puntare sull’attuale competizione europea:

“Siamo convinti che l’attuale modello calcistico garantisca una base seria. L’FC Bayern accoglie con favore le riforme della Champions League. Non crediamo che la Super League risolva i problemi derivati ​​dal coronavirus”.

D’altra parte, il Borussia Dortmund ha rifiutato di partecipare alla nuova competizione.

Il Paris Saint-Germain, invece, condividendo l’azionariato con beIN Sports, che possiede i diritti di trasmissione della UEFA, ha deciso di restare fuori per evitare un conflitto di interessi.

UEFA e federazioni nazionali

La posizione della UEFA è chiara: totale dissenso, considerando la rivalità con la Champions League.

L’organismo europeo ha rilasciato una dichiarazione ufficiale, insieme alle federazioni nazionali, per annunciare le conseguenze:

“Ai club in questione sarà vietato giocare in qualsiasi altra competizione a livello nazionale, europeo o mondiale, e ai loro giocatori potrebbe essere negata l’opportunità di rappresentare le loro squadre nazionali”.

Anche la FIFA si è opposta alla nuova competizione, perché non rispetta i principi di:

“Solidarietà, inclusione, integrità e retribuzione economica”.

Florentino Pérez e la Superlega: l’analisi

Florentino Pérez, presidente della Superlega, è stato il più attaccato in quanto promotore del progetto.

Nonostante la maggior parte delle squadre si siano rifiutate di partecipare alla competizione, il presidente del Real Madrid CF continua a procedere con la Superlega.

Florentino Pérez ha ricevuto molte critiche per aver difeso la sua idea fino alla fine. La sua immagine ne è stata quindi compromessa non soltanto in Spagna, ma anche a livello internazionale.

Il Centro studi di ReputationUP ha analizzato la reputazione online di Florentino Pérez. Il periodo di riferimento è quello tra il 20 e il 23 aprile, la settimana della crisi che ha toccato la Superlega.

I parametri esaminati sono i seguenti:

  • Risultati;
  • Sentiment; 
  • Tendenza del sentiment;
  • Temi positivi e negativi;
  • Temi online;
  • Emozioni. 

Il sentiment

Il sentiment calcola la percentuale di sentimento, positivo o negativo, generato dagli utenti dei social network.

Il Centro studi di ReputationUP ha anche calcolato il sentiment netto prodotto da Florentino Pérez in rete, una percentuale che si inscrive in una scala da -100 a 100.

I risultati sono visibili nel seguente grafico.

Il sentiment ReputationUP

Il sentiment negativo è del 31,7%, mentre il positivo è di appena 9,6%. Il sentiment netto, pertanto, è del -53,5%

A causa degli sviluppi della Superlega, il sentiment netto è sceso, in soli due giorni, del 75,6%.

L’andamento dei risultati si riferisce alle interazioni in quel periodo di due giorni, durante i quali furono prodotti 146.000 risultati.

Una settimana dopo: peggioramento del sentiment

Negli ultimi giorni, il sentimento negativo di Florentino Pérez è aumentato. Lo si può vedere nel grafico seguente, che si riferisce al 26 aprile.

Una settimana dopo peggioramento del sentiment ReputationUP

Sebbene il sentiment positivo sia aumentato di due punti (11,1%), quello negativo è aumentato di 12 punti (43,8%).

Tendenza del sentiment

Tendenza del sentiment ReputationUP

Durante il periodo preso in considerazione, la tendenza del sentiment è stata negativa

Temi online

Osservando il topic Florentino Pérez, la parola Superlega risulta essere la più rilevante.

Temi online ReputationUP

Emozioni

Per quanto riguarda le emozioni suscitate dal profilo analizzato, si osserva la seguente ripartizionei:

  • 60,5%, rabbia;
  • 22,5%, tristezza;
  • 10,2%, gioia;
  • 6,7%, paura.
Emozioni ReputationUP

Conclusioni

Il Centro studi di ReputationUP, impresa leader nella gestione della reputazione online, ha analizzato la reputazione online di Florentino Pérez, presidente del Real Madrid e della Superlega Europea.

Dalla presente analisi, si possono trarre le seguenti conclusioni:

  • Il sentiment negativo (31,7%) di Florentino Pérez è maggiore del sentiment positivo (9,6%);
  • Questo sentiment ha prodotto un sentiment netto del -53,5%;
  • Il sentiment di Florentino Pérez è cambiato, nei giorni scorsi, a causa della Superlega Europea;
  • Una settimana dopo che i club della Superlega hanno lasciato la competizione, il sentiment negativo di Florentino Pérez è quasi raddoppiato;
  • Per quanto riguarda le emozioni, predomina la rabbia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ci sei quasi: completa il form
e invia la tua richiesta​

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Utilizzando il nostro sito, accetti l'utilizzo dei cookie.