Un Mese Dall’investitura: La Reputazione Online Di Pedro Sánchez

Un mese dopo l’elezione a Presidente del Governo spagnolo, la figura di Pedro Sánchez continua ad essere sotto i riflettori dei media e dell’opposizione, per le sue trattative e i suoi patti.

ReputationUP ha analizzato la reputazione online e l’immagine di Pedro Sánchez dopo il suo insediamento il 16 novembre.

Il periodo selezionato per lo studio è quello che va dal 5 all’11 dicembre.

Prenota ora un’analisi gratuita della tua reputazione

I quattro punti dell’investitura

Con un totale di 179 voti al Congresso, superando i 176 necessari, Pedro Sánchez si è assicurato la sua posizione grazie al sostegno del “blocco dell’investitura”, una larga coalizione di partiti di sinistra, nazionalisti e indipendentisti.

I quattro punti dell'investitura ReputationUP

Questo sostegno arriva dopo accordi che hanno generato diffuse polemiche.

La sua rielezione è il risultato di settimane intense di trattative e patti, segnate anche da proteste di piazza.

Un elemento chiave del suo mandato è la legge sull’amnistia e un problema persistente nella politica spagnola: il movimento indipendentista catalano.

La resilienza di Pedro Sánchez

Alla fine di settembre, dopo la campagna elettorale e dopo aver vinto le elezioni, il leader del Partito Popolare (PP), Alberto Núñez Feijóo, si è candidato all’investitura, dove ha avuto solo il sostegno di Vox.

Due mesi dopo, Pedro Sánchez, dopo uno scenario precedentemente considerato improbabile, è uscito vittorioso ancora una volta.

La sua carriera politica, iniziata all’età di 21 anni come semplice attivista per poi diventare deputato al Congresso, riflette una notevole resilienza.

Prenota ora un’analisi gratuita della tua reputazione

Ha superato gli ostacoli interni al suo partito, il Partito Socialista Operaio Spagnolo (PSOE), vincendo le primarie.

Nel maggio 2018 ha estromesso Mariano Rajoy dal PP attraverso una mozione di censura, assumendo così la guida del governo spagnolo.

Quest’anno Sánchez ha indetto elezioni generali anticipate dopo i deludenti risultati del PSOE alle elezioni regionali di maggio.

La resilienza di Pedro Sánchez ReputationUP

Nonostante non abbia ottenuto la maggioranza, è riuscito a formare la coalizione più forte in parlamento.

Tuttavia, l’usura delle trattative prolungate ha influito sulla sua reputazione digitale.

I patti per arrivare all’investitura

Per assicurarsi la rielezione a presidente, Pedro Sánchez ha dovuto cercare l’appoggio di partiti diversi dal PSOE, in modo da colmare il divario tra i 122 seggi ottenuti alle elezioni e i 176 necessari per ottenere la maggioranza assoluta.

Ciò è stato ottenuto attraverso mesi di intensi negoziati e patti controversi.

Uno degli accordi chiave è stato quello con Sumar, un conglomerato di movimenti di sinistra guidati da Yolanda Díaz, attuale vicepresidente del governo e in precedenza secondo vicepresidente durante il mandato di Sánchez.

Con Sumar, il principale alleato del PSOE al Congresso, sono stati stabiliti accordi in materia di lavoro e salario, compresa la riduzione della giornata lavorativa a 37,5 ore settimanali.

Sánchez ha inoltre raggiunto accordi con partiti come il Blocco nazionalista galiziano (BNG) e la Coalizione canaria (CC), così come con il Partito nazionalista basco e Bildu, focalizzati su questioni che vanno dall’espansione dei diritti dei lavoratori alla remissione dei debiti e al trasferimento di competenze.

Tuttavia, i patti più controversi sono stati quelli con i partiti indipendentisti catalani Esquerra Republicana de Catalunya (ERC) e Junts per Catalunya

Prenota ora un’analisi gratuita della tua reputazione

L’accordo con l’ERC prevede la cancellazione di un debito pubblico catalano di 15 miliardi.

D’altro canto, il patto con Junts per Catalunya riguarda una controversa legge di amnistia a beneficio dei condannati nel processo di indipendenza catalana del 2017.

La legge sull’amnistia

La questione del movimento indipendentista catalano e il suo rapporto con il governo centrale spagnolo è stata una questione rilevante nella politica spagnola per più di un decennio, creando significative sfiducia e tensioni.

Il culmine di questa situazione è stato il referendum di autodeterminazione in Catalogna del 2017, dichiarato illegale e sospeso dalla Corte Costituzionale, che si è concluso con la condanna di numerosi leader politici e cittadini catalani.

Il referendum, tenutosi il 1° ottobre di quell’anno, fu caratterizzato da violenti scontri e dall’intervento delle forze di sicurezza statali.

La legge sull'amnistia ReputationUP

Il governo catalano dell’epoca, guidato da Carles Puigdemont, proclamò unilateralmente l’indipendenza della Catalogna sulla base dei risultati del referendum, il che portò Puigdemont a fuggire a Bruxelles per evitare il carcere.

Recentemente, il gruppo parlamentare socialista ha presentato al Congresso un disegno di legge di amnistia per annullare alcuni crimini commessi tra il 2012 e il 2023 legati al movimento indipendentista catalano.

Da parte loro, PP e Vox hanno annunciato che impugneranno la legge davanti alla Corte Costituzionale e al sistema giudiziario dell’Unione Europea.

La controversa sanatoria ha generato un duro scontro verbale tra governo e opposizione.

Le ultime parole di Santiago Abascal, in un’intervista a Clarín, sono state condannate anche da Núñez Feijóo:

Proteste in strada

L’insediamento di Pedro Sánchez è avvenuto in un contesto di massima sicurezza al Congresso e dopo giorni di intense proteste davanti alla sede del PSOE, soprattutto a Ferraz.

Queste manifestazioni, durate quasi due settimane e culminate in alcuni casi in scontri, hanno raggiunto il loro apice il fine settimana prima della sessione di investitura, guidate dal PP e che ha riunito centinaia di migliaia di persone in varie città.

Proteste in strada ReputationUP

Nel corso del suo discorso, Sánchez ha affrontato la controversia sul suo mandato, riconoscendo la divisione di opinioni tra i cittadini, soprattutto in relazione alla legge sull’amnistia:

Sondaggio di dicembre

Un recente sondaggio di Sigma Dos per El Mundo rivela che quasi due milioni di socialisti si pentono di aver votato per Pedro Sánchez.

Se le elezioni si fossero svolte l’11 dicembre, il 22,4% dell’elettorato socialista avrebbe votato per un partito diverso; e il 73,5% sosterrebbe, ancora una volta, Pedro Sánchez.

D’altro canto, l’89,3% degli elettori del PP confermerebbe il suo voto, seguito dall’83,7% di Sumar e dall’80,8% di Vox.

L’analisi

Dopo una dura fase di trattative e di insediamento, la figura di Pedro Sánchez è sotto i riflettori mediatici, anche a un mese dal suo insediamento.

Per questa analisi, il Centro Studi ReputationUP si è concentrato sul periodo che va dal 5 all’11 dicembre.

I parametri esaminati sono i seguenti:

  • Risultati;
  • Sensazione;
  • Trend.

ReputationUP utilizza prestigiosi software di monitoraggio della reputazione che analizza in tempo reale tutto ciò che viene detto in rete, combinando Big Data e Intelligenza Artificiale.

Risultati

Il numero di risultati si riferisce alle interazioni in un determinato periodo di tempo, in questo caso dal 5 all’11 dicembre.

Le interazioni includono menzioni, Mi piace, commenti, tag, ecc.

In questi sette giorni, Pedro Sánchez ha ottenuto 244.000 menzioni online, con una media giornaliera di 34,9.000.

Sentiment

Il Sentiment calcola la percentuale di sentiment positivo o negativo generato dagli utenti sulle piattaforme online riguardo a Pedro Sánchez.

La sentiment analysis positiva di Pedro Sánchez è solo del 4,9% rispetto al 33,7% negativo.

Il sentiment netto (percentuale netta, misurata su una scala da -100 a 100) è -29%. Un dato molto negativo che riflette un grave danno reputazionale

Trend

Per studiare meglio la reputazione online, RepUP Monitoring Tool analizza le tendenze della rete associate a Pedro Sánchez:

  • Nuovo dittatore;
  • Grave atto di corruzione;
  • Legge sull’amnistia;
  • Scenario di frammentazione.

La maggior parte delle parole chiave associate a Pedro Sánchez sono negative.

Trend Pedro Sánchez ReputationUP

Conclusioni

Attraverso lo studio si è percepito il sentimento che esiste attorno al presidente del governo spagnolo.

Da questa analisi, preparata dal 5 all’11 dicembre, si possono trarre le seguenti conclusioni:

  • Pedro Sánchez ha ottenuto 244.000 menzioni online;
  • La media giornaliera delle menzioni è di 34,9K;
  • Il sentiment positivo è del 4,9% rispetto al 33,7% negativo;
  • Il sentiment netto di Pedro Sánchez è -29%;
  • La maggior parte delle parole chiave associate al tuo nome sono negative.

Sebbene gli accordi abbiano assicurato l’investitura, resta da vedere il costo politico che Sánchez dovrà pagare e le difficoltà che potrà incontrare durante il suo mandato.

I portavoce di Junts e dell’ERC hanno già messo in guardia Sánchez sulla condizionalità del suo sostegno, sottolineando che la stabilità del suo governo dipenderà dal rispetto degli accordi presi.

Sánchez si trova di fronte non solo alla consueta opposizione del PP e di Vox al Congresso, ma anche all’incertezza del sostegno indipendentista, la cui continuità sarà valutata giorno per giorno.

Inoltre, nelle strade, persiste il malcontento tra coloro che rifiutano gli accordi raggiunti.

La figura del presidente del governo sarà costantemente a rischio reputazionale durante tutto il suo mandato.

Prenota ora un’analisi gratuita della tua reputazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto