blank

Come curare la tua reputazione personale online

Quando si parla di gestione della reputazione, la maggior parte delle persone immagina di aver bisogno di un team di Hacker esperti che ripuliscano la rete al posto loro. Naturalmente disporre di un team di professionisti capaci può esserti d’aiuto, soprattutto se disponi di una certa notorietà. Tutti però abbiamo la necessità di curare e valorizzare la nostra reputazione personale online.

Nell’articolo di oggi, mi piacerebbe mostrarti alcuni semplici mosse che puoi mettere in atto per capire come misurare la tua reputazione online.

Risorse necessarie per la gestione della reputazione personale

Cominciamo subito con una bella notizia. Tutto ciò di cui hai bisogno per controllare la tua reputazione online è: un computer/tablet/smartphone e di una connessione ad internet. Se stai navigando su questo sito, suppongo tu disponga di uno di questi oggetti.

Naturalmente avrai anche bisogno di un indirizzo mail possibilmente professionale o quantomeno leggibile. Utilizzare nomi stravaganti per il tuo indirizzo potrebbe essere un problema – soprattutto se hai intenzione di utilizzare quella mail per spedire curriculum alle aziende cui sei interessato-.

Infine, potresti aver bisogno -non obbligatoriamente – di possedere un hosting ed un dominio a tuo nome.

Ora, ecco cosa fare con ciascuna delle tue risorse.

Rivendica la tua presenza online

La prima cosa da fare, è sicuramente quella di creare un account sui maggiori social media. Potresti avere già una presenza stabile sui social network, assicurati però di non aver trascurato alcuni di questi passaggi.

Su quali social network dovresti essere presente?
Su questo punto esistono pareri contrastanti. Chiaramente alcuni social sono più utili di altri ma ognuno di essi deve soddisfare una tua esigenza personale.

Puoi certamente rivendicare il tuo profilo personale su ogni social disponibile, ma che senso avrebbe disporre di un’account vuoto e poco curato?

Ti faccio un elenco di social network che sono davvero fondamentali per la gestione della tua reputazione online.

LinkedIn – Il tuo curriculum social ed il tuo strumento di comunicazione con colleghi, aziende e altri professionisti.

Facebook – Se non esisti su Facebook, semplicemente non esisti per una buona fetta di persone. Nonostante gli ultimi problemi derivati dalla gestione sulla privacy, Facebook rimane uno dei social network più utilizzati al mondo. Tieni anche in considerazioni che essere su Facebook significa poter utilizzare la sua piattaforma di messaggistica “Messanger”. Si tratta di uno strumento incredibilmente potente, soprattutto con il recente utilizzo dei bot.

Twitter – reclamare la tua presenza su twitter anche se non pensi di utilizzarlo assiduamente.

Instagram – Utilizzatissimo dai millennial e di proprietà di Mark Zuckerberg. Si tratta sicuramente di un social indispensabile soprattutto per comunicare con il target più giovane.

Pinterest – Può essere sorprendentemente utile.

Google+ e YouTube – queste sono entrambe proprietà di Google, quindi se hai un account di Gmail, sei pronto. Se non hai un indirizzo Gmail, dovresti crearne uno subito. Consiglio pratico: utilizza Google Alert per tenere sotto controllo le menzioni sul motore di ricerca riguardo al tuo brand personale o aziendale. Se invece vuoi monitorare l’intero Surface Web, adotta il RepUP Monitoring Tool, il miglior software per il monitoraggio della reputazione online.

Quale nome dovresti usare nei tuoi profili social?
Prediligi sempre l’utilizzo di un nome ed un cognome. Questo è di vitale importanza per aiutare le persone e i motori di ricerca ad identificare in maniera precisa la tua presenza online.

Un altra piccola indicazione prima di passare avanti.

Alcune coppie sposate scelgono di creare account social media condivisi: un nome misto per un singolo account che entrambi possono usare. Questo è altamente confusionario e soprattutto poco utile per la cura della tua reputazione online.

Che dire delle foto del profilo?

Le foto profilo dei social network sono fondamentali per riuscire a costruire la tua idendità. Una foto profilo è in grado di mostrare la tua autenticità.

Per aiutarti nella scelta della foto profilo, eccoti alcune linee guida fondamentali che dovresti seguire.

Inserisci sempre una foto profilo.

Hai presente quei profili che non hanno alcuna foto? Bene, danno l’aria di essere profili fake. Se non vuoi rischiare di passare per il profilo bot di turno, inserisci su ogni tuo account social una foto profilo decente.

Non utilizzare foto casuali.

Il selfie scattato alla rinfusa con poca cura non è professionale e per quanto possa essere autentico non è la soluzione più adeguata. Investi tempo e risorse per avere una foto profilo decente, di alta qualità e che possa trasmettere la tua identità.

Usa una foto recente.

Potresti essere stato 19enne molto attraente, ma se ad oggi hai 42 anni, è arrivato il momento di aggiornare quella foto profilo.

Non indossare occhiali da sole.

Lascia sempre alle persone che ti seguono la possibilità di guardarti negli occhi. La comunicazione non verbale è importante almeno tanto quanto scriverai o pubblicherai sui tuoi account social.

Usa la stessa foto su tutti i profili. In questo modo darai un senso di uniformità a tutti i tuoi account.

Le foto sfocate, ritagliate,o pixelate, sono inaccettabili. La maggior parte degli smartphone moderni, sono in grado di fare foto di qualità, soprattutto in condizioni di luce ottimali.

Sii consapevole dei doppelgänger.

Un doppelgänger è un “sosia o una persona vivente che non è biologicamente correlata alla tua persone”. In termini di gestione della reputazione personale, un doppelgänger potrebbe essere un problema.

Supponiamo per un attimo che il tuo nome sia “Francesco Migotti” . Sei un dirigente di medio livello presso l’ABC Company, e oltretutto sei un bravo ragazzo. Ma, a tua insaputa, c’è anche un altro Francesco Migotti che casualmente ha la tua stessa età. Si tratta di un criminale tristemente famoso.

A meno che tu non sia a conoscenza della tua reputazione personale e dei doppongäger, questa somiglianza casuale tra nomi e identità potrebbe mettere a repentaglio la tua reputazione personale online. Inoltre, crea anche alcune barriere sui principali siti di social media.

Se il tuo alter ego Francesco Migotti è arrivato su Instagram prima di te, dovrai scegliere un nome utente alternativo e pubblicare qualcosa di diverso.

Sii presente sui social

Il tuo personal branding e di conseguenza la tua reputazione online, vive della tua presenza sui principali siti di social network. Questo significa che tutto ciò che pubblichi e il modo in cui lo fai, è in grado di modificare la percezioni che gli altri hanno di tè. Non esiste una strategia univoca da seguire. C’è chi predilige aggiornamenti quotidiani, e chi preferisce invece aggiornare i propri profili più di rado. Persino il social da utilizzare cambia in base alle preferenze o alla tua strategia. Linkedin, Facebook, Instagram, sono dominati da pubblici differenti e dinamiche sensibilmente diverse.

Dato che non è possibile fornire una strategia adeguata in un singolo articolo, voglio limitarmi a fornirti alcuni punti fondamentali, da tenere in considerazione per qualsiasi social network che deciderai di utilizzare.

Controlla le tue impostazioni sulla privacy

Fai bene attenzione alla gestione della tua privacy, regolata dal GDPR: tutto quello che finisce sui social network è di pubblico dominio, diventa quindi fondamentale fare attenzione a ciò che pubblici. Molti social network, come Facebook, ti permettono di mostrare gli aggiornamenti ad un numero ristretto di persone. Controlla sempre queste informazioni prima di pubblicare qualsiasi cosa.

Scegli come vuoi essere

Essere presente su tutti i social in modo attivo, significa spendere una grande mole di tempo. Considera sempre che non tutti i social vanno bene per i tuoi obiettivi. Ad esempio, se ti trovi nel mercato del lavoro, potrebbe essere necessario ampliare la tua attività su LinkedIn.

A meno che tu non abbia un sacco di tempo o una squadra di esperti digitali, può essere difficile restare attivi su tutti gli account di social media. Scegli quelli che sono più importanti per te e i tuoi obiettivi e investi il ​​tuo tempo lì.

Conclusione

La gestione della reputazione personale online è una responsabilità che ogni adulto deve necessariamente assumersi. Se riesci a gestire concretamente la tua reputazione personale, non solo riuscirai a prevenire un’eventuale crisi, ma avrai anche la possibilità di gestire la percezioni che gli altri hanno della tua persona.  Gestire la tua reputazione personale può però essere difficile, questo è il motivo per cui ti consiglio di rivolgerti a specialisti di quest’ambito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contatta ReputationUP

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram