raccomandazioni settore pubblico privato per coronavirus

7 Raccomandazioni al Settore Pubblico-Privato Contro Il Coronavirus

Premessa

In un periodo dove imperano fake news e disinformazione, sintomi di una affannosa corsa a chi la spara più grossa, ReputationUP sente l’obbligo morale di fare una premessa.

raccomandazioni settore pubblico privato per coronavirus

Le raccomandazioni prospettate in questo vademecum sono ispirate a quanto stabilito durante l’Event 201, la simulazione pandemica che ha coinvolto 16 leader di aziende globali, governi e sanità pubblica, promossa dal The Johns Hopkins Center for Health Security, in collaborazione con il World Economic Forum e la Fondazione Bill & Melinda Gates.

Un momento del dibattito durante Event 201
Un momento del dibattito durante Event 201

L’evento si è svolto il 18 ottobre a New York City e ha visto la partecipazione di:

  1. Latoya Abbott, Risk Management & Global Senior Director, Occupational Health Services, Marriott International;
  2. Stanley Bergman, Presidente del consiglio di amministrazione e CEO, Henry Schein, Inc.;
  3. Sofia Borges, Vicepresidente Senior, Fondazione delle Nazioni Unite;
  4. Chris Elias, Presidente, Divisione Sviluppo Globale, Fondazione Bill & Melinda Gates;
  5. Tim Evans, Ex Direttore Senior della Salute, Gruppo World Bank;
  6. George Gao, Direttore Generale, Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie;
  7. Avril Haines, Ex Vicedirettore, Central Intelligence Agency; Ex vice consigliere per la sicurezza nazionale;
  8. Jane Halton, Membro del consiglio di amministrazione, ANZ Bank; Ex Segretario alle Finanze ed ex Segretario alla Sanità, Australia;
  9. Matthew Harrington, COO, Edelman;
  10. Chokwe Ihekweazu, Direttore General, Centro per il controllo delle malattie della Nigeria;
  11. Martin Knuchel, Responsabile della gestione delle crisi, delle emergenze e della continuità operativa, Lufthansa Group Airlines;
  12. Eduardo Martinez, Presidente, Fondazione UPS;
  13. Stephen Redd, Vicedirettore, Servizio sanitario pubblico e Scienza dell’implementazione, Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie degli Stati Uniti d’America;
  14. Paul Stoffels, Direttore Scientifico, Johnson & Johnson;
  15. Hasti Taghi, Vice Presidente & Executive Advisor, NBCUniversal Media;
  16. Lavan Thiru,Chief Representative, Autorità monetaria di Singapore.

Lo scenario della Pandemia

Fatte le doverose premesse è il momento di entrare nel vivo della faccenda.

La pandemia Coronavirus non solo sta causando grandi malattie e perdite di vite umane, ma potrebbe anche innescare importanti conseguenze economiche e sociali, che creano un impatto negativo a cascata su scala globale. 

LEGGI ANCHE: SOS Coronavirus, l’iniziativa di ReputationUP per le aziende italiane

Gli sforzi per prevenire e rispondere a tali conseguenze richiederanno livelli di collaborazione senza precedenti tra governi, organizzazioni internazionali e settore privato

C’è da sottolineare che negli ultimi anni ci sono stati importanti sforzi nazionali e regionali per coinvolgere il settore privato nella prevenzione e risposta efficace alle pandemie.

Tuttavia, l’attuale sistema globalizzato – stressato dal Coronavirus – sta sperimentando vulnerabilità non soddisfatte ed enormi sfide che richiederanno nuove e più solide forme di cooperazione pubblico-privato.

L’intento di ReputationUP è quello di fornire al settore pubblico-privato un vademecum – già discusso e approvati ai massimi livelli – che possa essere di aiuto in un momento così difficile dove – tra le altre cose – è fondamentale monitorare la reputazione online del proprio brand (aziendale o personale che sia).

7 raccomandazioni per una risposta efficace alla Pandemia Coronavirus

  1. Governi, organizzazioni internazionali e imprese devono pianificare come verranno utilizzate le capacità aziendali essenziali durante la pandemia.
  2. L’industria, i governi nazionali e le organizzazioni internazionali devono collaborare per migliorare le scorte internazionali di contromisure mediche e consentire una distribuzione rapida ed equa durante la pandemia.
  3. Paesi, organizzazioni internazionali e società di trasporto globali devono collaborare per assicurare che persone, merci e servizi possano continuare a muoversi e viaggiare anche durante la pandemia. I viaggi e il commercio sono essenziali per l’economia globale, nonché per le economie nazionali e persino locali, e devono essere garantiti anche di fronte a una pandemia.
  4. I governi devono fornire più risorse e supporto per lo sviluppo e l’aumento della produzione di vaccini, terapie e diagnostica che saranno necessari durante la pandemia.
  5. Le imprese globali devono riconoscere l’onere economico della pandemia e finanziare iniziative su ricerca e prevenzione di tali eventi.
  6. Le organizzazioni internazionali devono dare la priorità alla riduzione degli impatti economici della pandemia.
  7. I governi e il settore privato devono assegnare priorità allo sviluppo di metodi per combattere la disinformazione durante la fase di risposta alla pandemia.

Conclusioni

Il raggiungimento dei sette obiettivi richiede la collaborazione tra governi, organizzazioni internazionali, aziende globali e locali

Se queste raccomandazioni vengono perseguite fermamente, si possono fare importanti progressi per ridurre l’impatto e la conseguenza della pandemia.È per questo che ReputationUP invita tutti i leader nel mondo degli affari, delle organizzazioni internazionali e dei governi nazionali a lanciare uno sforzo ambizioso per lavorare insieme ed uscire più forti da questa grave pandemia.

Contatta ReputationUP

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram