Web Reputation Analysis

La Guida Definitiva

Questa è la guida più completa scritta da un Manager esperto sulla Web Reputation Analysis.

Ti mostrerò tools e strategie avanzate di ORM (Online Reputation Management).

Se il tuo obiettivo è monitorare, misurare e aumentare il valore della tua reputazione online anche nel 2020, amerai la guida.

Bene, entriamo nel vivo.

web reputation analysis sentiment plan
Vuoi misurare la tua Reputazione Online?
calcolare brand sentiment score

Nessun problema. Ti basterà attivare il RepUP Monitoring Tool: saprai con certezza quanto vale il tuo brand sul web. 

Perché è Importante Curare la Tua Web Reputation

Diamo subito un’occhiata ad alcune infografiche interessanti.

Il 45% di adulti che nel 2018 ha googlato un potenziale partner commerciale, ha trovato qualcosa online che li ha spinti a scegliere di non fare affari quel partner.

INFOGRAFICA 1 Statistiche Web Reputation 2019

Il 97% degli imprenditori afferma che la gestione della reputazione è la principale chiave di successo per i loro business nel 2019.

INFOGRAFICA 2 Statistiche Online Reputation Management 2019

Il 70% dei consumatori non acquista da aziende che hanno 4 o più articoli negativi (su brand, prodotti e servizi) nei risultati di ricerca Google.

INFOGRAFICA 3 Statistiche articoli negativi su google impatto vendite

Tenendo bene a mente questi dati, nella guida di oggi analizziamo le strategie da attuare per far crescere reputation e affari.

Nuovi valori economici come la reputazione e le idee stanno assumendo un’importanza superiore al denaro.”

CAPITOLO 1:

Reputazione Online 101

Quando parlo del mio lavoro, la prima domanda che mi viene posta è: cosa significa reputazione online?

Nonostante internet sia ormai ovunque, il concetto di web reputation non è ancora molto chiaro.

Ecco perché voglio iniziare questa guida rivelandoti le tre fasi cruciali dell’Online Reputation Management: la fase di pulizia; la fase di monitoraggio e la fase di crescita positiva. 

Cosa significa Reputazione Online

Per capire il significato profondo di reputazione online andiamo ad analizzare singolarmente le parole che compongono questa espressione ormai in voga.

Secondo i più rinomati dizionari italiani, la reputazione è la stima o considerazione in cui si è tenuti dagli altri nella vita (offline) di tutti i giorni: cosa pensano di te in famiglia, in ufficio, al bar e ovunque tu sia conosciuto?

Ecco, la reputazione può essere buona o cattiva, a seconda di quello che hai seminato nel corso del tempo.

Si parla di reputazione online quando il concetto di stima viene trasferito sul web.

Per semplificare questa idea basta porsi una domanda: cosa si dice di te su Google, Facebook etc?

Prova a googlare il tuo nome per una prima valutazione.

Come nella vita reale, quindi, ognuno di noi ha una reputazione che condiziona la qualità e la modalità delle relazioni di coloro con cui interagiamo.

Ovviamente, dare una prima impressione buona a chi cerca informazioni su di te su Google, e quindi mostrare risultati positivi nella prima pagina dei motori di ricerca, è un ottimo modo per rendere la tua “stretta di mano digitale” efficace e persuasiva.

L’intero processo di gestione della reputazione online, definito Online Reputation Management, passa attraverso 3 fasi cruciali:

1) Reputation Cleaning

2) Reputation Monitoring

3) Reputation Improving

Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

online reputation management funnel di reputationup

1) Reputation Cleaning: Come Pulire La Reputazione Online

Informazioni lesive per la tua reputazione possono diffondersi online in un modo che non puoi controllare.

Capita spesso che notizie false, informazioni riservate, immagini, video e contenuti che dovrebbero restare privati, finiscano invece nelle mani della rete.

ReputationUP rimuove qualsiasi contenuto lesivo – link, foto, video, commento – dall’intera rete internet (motori di ricerca, social network, forum, deep e dark web) in 24/48 ore.

Risultato garantito dalla formula “soddisfatti o rimborsati“.

Per cui, se davvero stai cercando come ripulire la reputazione online, non perdere altro tempo e contattaci: al resto ci pensa ReputationUP.

2) Reputation Monitoring: Come Monitorare Reputazione Online

Il monitoraggio serve a misurare, controllare e analizzare la reputazione online.

Ma solo uno strumento di monitoring ti permette di determinare il Reputation Score, vale a dire la percentuale di brand sentiment netto positivo generato dal tuo nome sul web. 

In una scala da -100% a +100%, più è alto questo valore migliore è la tua reputazione online.

E visto che mi piace rispondere in modo concreto alla domanda “come monitorare la reputazione online”, consentimi di suggerirti l’utilizzo del RepUP Monitoring Tool di ReputationUP.

Si tratta di uno strumento proprietario che ti permette di scandagliare il web alla ricerca di informazioni sulla tua persona o sulla tua azienda. 

Possiamo sapere chi parla di te o della tua azienda, in tutto il mondo in tempo reale, con un monitoraggio su:

Keywords collegate

Hashtag collegati

Social network collegati

Competitors di riferimento

Influencers di riferimento

Target di riferimento

3) Reputation Improving: Come Avere Una Buona Reputazione Online

Per costruire una buona reputazione online ai suoi clienti – oltre alla fase di pulizia e monitoraggio – ReputationUP ha sviluppato un sistema certificato di Reputation Improving.

Si tratta di una strategia di reputazione positiva – studiata ad hoc per il cliente – che si sviluppa attraverso:

1) Lead Generation, UX e UI

2) Content Marketing

3) SEO Management

4) Social Media Management

5) Brand Building – Outreach

Soltanto una combinazione sinergica di queste 5 leve del Digital Marketing può garantire il controllo della prima pagina di Google con il posizionamento di risultati positivi.

CAPITOLO 2:

Web Reputation: La Guida Definitiva

Ogni management di successo si costruisce partendo dalle basi.

Prima di affrontare nel dettaglio il monitoraggio, l’analisi, le tattiche e le strategie di ORM, ti aiuterò a chiarire i principi fondanti della reputazione online.

In questo capitolo otterrai preziose informazioni su cos’è la web reputation e quanto siano importanti i social media per gestirla.

web reputation 101

Cos'è la Web Reputation (o Reputazione Online)​

Vediamo cosa vuol dire e qual è la definizione di web reputation, anche detta net reputation o e-reputation.

Per web reputation si intende la reputazione online (motori di ricerca, social network, piattaforme digitali, forum etc.) di un’azienda, un brand, una persona, un prodotto, un servizio o qualsiasi altro elemento.

È il sentimento percettivo che il cliente ha di te.

Reputazione Online e Web Reputation sono la stessa 'cosa'?

Assolutamente sì, reputazione online e web reputation assumono sempre, in qualsiasi contesto, lo stesso significato.

È un po’ come quando a scuola la maestra di matematica ti ripeteva che:

Modificando l'ordine degli addendi, il risultato non cambia.”

Dove gli addendi sono Reputazione (o Reputation, in inglese) e online (o web).

Per cui, da questo momento della guida in poi, tutto ciò che leggerai riguardo alla web reputation puoi applicarlo anche per la reputazione online.

Quali Elementi Influenzano la Reputazione sul Web

La reputazione online viene influenzata negativamente e/o positivamente da:

1) Fattori Interni Diretti

Sono il risultato di azioni dirette intraprese dall’azienda, come la distribuzione di contenuti (foto, video, articoli, eBook, Whitepaper, Report, Case Study, Tutorial…) e le attività di web marketing (SEO, SEM, PPC).

Nella guida sul Crisis Management ho citato il caso del video spot condiviso da Dolce&Gabbana (azione diretta da parte dell’azienda), che rischia di procurare un danno di 400 milioni di euro (influenza negativa).

crisis management dolce e gabbana cina

2) Fattori Interni Indiretti

Comprendono azioni, reazioni e interazioni dei tuoi dipendenti di fronte alle attività online della tua impresa.

Pubblicare per sbaglio informazioni segrete e twittare commenti offensivi o inappropriati, mette l’azienda in una posizione di rischio reputazionale.

Esempio di commento inappropriato del MIT, già nell'occhio del ciclone a causa di alcune gaffes del Ministro Toninelli

3) Fattori Esterni Diretti

Riguardano le risposte alle tue attività online da parte di fornitori, investitori e partner commerciali

Ti sei mai chiesto come potrebbe reagire il tuo socio (o alleato politico) in caso di tua difficoltà? Resterà al tuo fianco o vorrà approfittarne?

Saperlo in anticipo potrebbe evitarti guai più grossi.

4) Fattori Esterni Indiretti

Abbracciano tutte le interazioni e reazioni di utenti, opinione pubblica, media e competitors rispetto alle tue attività online. 

Recensioni negative, articoli diffamanti, schedatura su World Check Risk Intelligence, concorrenza sleale sono esempi di fattori esterni indiretti che condizionano la web reputation di qualunque brand.

Web Reputation e Social

Nell’epoca in cui apparire è l’unica cosa che conta, esiste un immenso palcoscenico dove buona parte della popolazione mondiale ama esibirsi.

Sto parlando, ça va sans dire, dei social network.

  • La Statistica

Secondo il white paper Digital Around The World In 2019” , 3.5 miliardi di persone hanno almeno un profilo social.

INFOGRAFICA 4 Percentuale di persone nel mondo che usano i social media

Se consideri che il resto non ha accesso a internet, possiamo concludere che oltre il 90% di chi è connesso si racconta sui social media

Nonostante scelte comunicative differenti e soggettive, la strategia online è la stessa.

Tutti utilizzano i social per costruire la propria web reputation personale (personal branding) e/o web reputation aziendale (brand reputation).

  • Social Recruiting e Competitive Intelligence

Oramai il rapporto tra web reputation e social è divenuto talmente stretto che la tua intera vita privata e pubblica scorre su questi network.

Cerchi lavoro? 

Ottimizza il tuo profilo Linkedin: i professionisti del social recruiting lo visiteranno.

Vuoi informazioni su personale da assumere, potenziali partner o competitor? 

Con lo strumento della Reputation Intelligence ottieni notizie su concorrenti e mercati.

Uno degli aspetti più interessanti dei social è la sua natura democratica: tutti vi possono accedere gratuitamente.

Ma purtroppo, come accade nelle migliori democrazie, c’è sempre qualcuno che tenta di fare il bullo.

Web Reputation e Cyberbullismo

Consentimi di attaccare questa piaga alla dura realtà delle statistiche.

I numeri non mentono mai.

Negli ultimi 15 anni l’interesse per l’argomento Cyberbullismo è drammaticamente cresciuto, come dimostrano i dati di Google Trends.

INFOGRAFICA 5 Tendenza su Google dell'argomento Cyberbullismo

Secondo le ultime rilevazioni Istat, 1 adolescente su 2 ha dichiarato di essere stato vittima di cyber bullismo negli ultimi 12 mesi.

I social networks con la percentuale maggiore di Cyberbullismo sono Instagram e Facebook.

INFOGRAFICA 7 Social network con percentuali maggiori di cyberbullismo

Le conseguenze sugli adolescenti di questo pericoloso comportamento sociale sono gravissime.

INFOGRAFICA 8 Effetti del cyberbullismo sui ragazzi

Tra dieci anni un’intera generazione, la futura classe dirigente del Paese, sarà costretta a fare i conti con la propria reputazione online. E avrà bisogno di un esperto che ripulisce il passato per costruire il futuro.

Nuovi Lavori: il Web Reputation Manager

Negli ultimi anni il Web Reputation Manager si sta affermando come figura professionale sempre più decisiva:

  • Salvaguarda la reputazione di un brand (personale o aziendale) su Internet 
  • Monitora il flusso di informazioni (positive e negative)
  • Crea una narrazione coerente su tutti i canali digital dell’azienda
  • Agisce attraverso le tradizionali strategie di pubbliche relazioni
  • Rimuove dai motori di ricerca i risultati lesivi e diffamanti.
andrea baggio ceo co-founder di reputationup
Andrea Baggio, CEO e Co-founder di ReputationUP

L’esperto di ORM Andrea Baggio individua otto principali requisiti per un Web Reputation Manager:

  1. Padroneggiare Search Engine, Social Network, Forum, Blog, Review Site, Dark Web
  2. Monitorare e Analizzare i Risultati delle Strategie Reputazionali
  3. Fissare Standard Qualitativi e Piani di Crisis Management per Prevenire la Crisi
  4. Stabilire un Piano Editoriale e Pubblicare Contenuti Positivi
  5. Agire con Prontezza di Fronte a una Crisi di Reputazione
  6. Neutralizzare Risultati e Keyword Negativi Associati a un Brand o un Individuo
  7. Modificare Suggerimenti Lesivi di Google Autocomplete
  8. Gestire la Crisi (Revenge Porn, Ricatto, Truffa, Attacchi Reputazionali…)

“La qualità della tua vita è data dalla qualità della tua reputazione.”

CAPITOLO 3:

Web Reputation Analysis: Cos'è e Come Farla

Ora che hai approfondito quali sono i pilastri della reputazione online, è ora di fare la web reputation analysis.

In questo capitolo vedremo come analizzare il tuo brand online e quali sono i migliori tools di monitoraggio.

L’obiettivo finale è ascoltare cosa dice il web di te e intervenire con azioni tempestive nel caso in cui la Sentiment Analysis risulti negativa.

Questa è una fase cruciale nell’intero processo di ORM.

come fare web reputation analysis

Cos’è la Web Reputation Analysis

Anche in questo caso partiamo dalla definizione: specificare il contesto è il primo passo verso il successo.

La Web Reputation Analysis ti rivela come vengono percepiti i tuoi contenuti online e quali emozioni riflettono (rabbia, disgusto, paura, gioia, tristezza, sorpresa) .

Quando Fare Web Reputation Analysis

La frequenza con cui svolgere un’analisi di reputazione online dipende da quanto influente, conosciuto ed esposto mediaticamente è il tuo brand.

Maggiore è l’importanza del marchio, maggiore sarà la frequenza di analisi.

Come Fare Web Reputation Analysis

Se vuoi sapere come fare Web Reputation Analysis, innanzitutto devi tenere presente alcuni parametri fondamentali, senza i quali emergerebbe un risultato approssimativo e poco utile.

I fattori che influenzano il sentimento degli utenti, rispetto al tuo brand, quando eseguono ricerche online sono:

  • Indicatori Positivi

  • Indicatori Negativi

  • Recensioni Online

  • Menzioni Online

  • Posizionamento su Google

  • Citazioni sui Social Media

Quindi inserisci questi fattori in una matrice SWOT.

swot analysis power point template
Clicca sull'immagine per scaricare il template della matrice (da SlideModel)

A questo punto avrai sotto gli occhi:

  • Punti di forza da rimarcare
  • Debolezze da rafforzare
  • Opportunità da cogliere
  • Minacce da eliminare.

I 10+1 migliori tools per monitoraggio e analisi web reputation

Condurre un’analisi reputazionale è un processo lungo, articolato e pieno di insidie.

Ecco perché ReputationUP offre ai suoi clienti il Website Reputation Checker Tool, uno strumento per monitorare e analizzare il tuo sentiment online.

calcolare percentuale net sentiment del tuo brand

Registra il tuo account per accedere alla demo e scoprire cosa pensa il web di te o del tuo brand.

In alternativa, puoi scorrere la classifica con i 10+1 migliori tools di monitoraggio e analisi web reputation:

1) ReputationUP

2) GatherU

3) Social Mention

4) Rankur

5) Google Alerts

6) Talkwalker

7) Awario

8) SentiOne

9) IFTTT

10) ImageRaider

11) ReviewPush

Strategie di Web Reputation Sentiment Analysis

La Web Reputation Sentiment Analysis fa riferimento a quelle tecniche di Intelligenza Artificiale, che elaborano il linguaggio naturale (Natural Language Processing), per comprendere qual è il sentimento di testi, video e immagini in relazione a una persona, un brand o un’idea.

La Sentiment Analysis permette di:

  • Trarre vantaggio dall’enorme flusso di dati che ogni giorno corre sul web;
  • Anticipare le tendenze;
  • Bloccare sul nascere eventuali crisi reputazionali segnalate da un aumento di menzioni negative.

Facciamo un esempio concreto, utilizzando il monitoring tool di ReputationUP.

Abbiamo realizzato una Sentiment Analysis sulle attività online in Italia del vice premier Luigi Di Maio.

INFOGRAFICA 9 monitoring tool reputationup luigi di maio
Il Net Sentiment di Luigi Di Maio esprime un saldo negativo

Come puoi vedere nell’infografica, il risultato non è dei migliori.

Anzi, l’analisi mostra un sentimento negativo rispetto ai giorni precedenti.

Se Di Maio avesse sotto gli occhi questi (e altri) dati capirebbe dove sta sbagliando e cosa migliorare nella sua comunicazione per aumentare il sentimento di fiducia da parte dei suoi elettori.

I campi di applicazione più diffusi per la Web Reputation Sentiment Analysis sono:

  • Monitoraggio dei social media

  • Monitoraggio del brand

  • Feedback dell’utente

  • Assistenza

  • Analisi della forza lavoro

  • Analisi dei prodotti/servizi

  • Ricerche di mercato

Completare una Sentiment Analysis comporta difficoltà enormi.

Perchè?

Semplice: un conto è l’analisi statistica di espressioni oggettive come fatti e numeri.

Altra cosa è l’analisi di emozioni e sentimenti – quindi espressioni soggettive – verso una persona, un’azienda, un brand, un partito, una clinica, una banca.

Vuoi calcolare il tuo Sentiment Score?
calcolare brand sentiment score

Nessun problema. 

Ti basterà attivare il RepUP Monitoring Tool: saprai con certezza qual è il valore del tuo Net Sentiment. 

CAPITOLO 4:

Strategie per Aumentare Web Reputation

Comprendere. Analizzare. Agire.

Dopo aver definito cos’è la web reputation e quali tools usare per misurare la tua reputazione online, in questo terzo capitolo ti mostrerò cosa fare per aumentare web reputation personale e aziendale.

Nello specifico, avrai accesso a tattiche e strategie avanzate per gestire la tua presenza su Google e sui social media.

Se il tuo obiettivo è dare maggiore visibilità e influenza alla tua persona e al tuo brand, amerai questo capitolo.

Strategie avanzate per Aumentare Web Reputation

Come Aumentare Web Reputation Step-by-Step

Benissimo, è il momento di passare all’azione e capire come aumentare Web Reputation.

Andrea Baggio, CEO di ReputationUP, suggerisce dieci step da seguire per migliorare la tua reputazione online.

Vediamoli insieme uno per uno.

1) Monitorare Brand Reputation

Ogni strategia di successo passa da un’azione costante di monitoraggio della reputazione.

Cosa si dice di te o del tuo brand?

Ricorda che online non vale la regola del “bene o male, purché se ne parli”.

2) Misurare Brand Sentiment

Usa il tool di ReputationUP per valutare come risponde e risponderà il pubblico ai tuoi messaggi (foto, video, post, articoli, commenti).

Quindi, scala la campagna di comunicazione e ottimizza l’invio dei contenuti.

Risultato: migliori il sentimento del pubblico verso la tua persona o il tuo brand.

90%

3) Pulire il Web da Contenuti Diffamanti

Non si può piacere a tutti, questo è chiaro. 

Ma ci sono casi in cui le critiche diventano diffamazione e si trasformano in fake news, che danneggiano ingiustamente la tua reputazione.

Intervieni tempestivamente e rimuovi i link lesivi.

4) Creare Contenuti di Qualità

Non basta pulire il web dai contenuti diffamanti, bisogna anche diffondere la propria voce

Conditio sine qua non: la qualità. 

Soltanto con la creazione di contenuti di qualità potrai migliorare il tuo posizionamento SEO su Google, acquisire maggiore visibilità e attirare traffico targettizzato in linea con i servizi/prodotti che offri.

Sfrutta il tuo corporate blog, seguendo l’esempio di ReputationUP. 

Certo, scrivere una guida come quella che stai leggendo (o come quella sul Crisis Management) costa tempo e fatica. 

Ma i nostri lettori apprezzano lo sforzo, tanto più che l’accesso alle guide è gratuito.

E anche Google sembra gradire.

Con la keyword “Crisis Management”, siamo in sesta posizione su 572.000.000 di risultati.

INFOGRAFICA 10 crisis management in sesta posizione su Google

5) Favorire Recensioni Positive

Che non significa comprarle per pochi spicci su qualche sito strano

Abbi sempre una visione di lungo respiro, ché la strada più breve è quella che paga meno. 

Basta chiedere

Chiedere ai tuoi utenti, clienti, fans, elettori, followers di consigliare la tua pagina, il tuo servizio, il tuo prodotto, lasciare una recensione a 5 stelle (specifica) e raccontare alla loro cerchia di amici quanto sei favoloso.

Avvertenza: passa a questo step solo dopo aver completato i quattro precedenti della strategia per aumentare la tua reputazione sul web.

Altrimenti potrebbe rivelarsi un pericoloso boomerang.

6) Gratificare Utenti

Una persona ignorata è molto più pericolosa di una persona a cui si presta attenzione, anche minima. 

A volte basta un emoji per gratificare il tuo pubblico ed incoraggiare un passaparola positivo.

Pensa a cosa accade nella gestione della res publica.

Un politico di successo non è quello che mantiene le promesse ma colui che ascolta le esigenze dei propri elettori e cerca di risolvere i problemi del quotidiano.

Così come accade nella moda, dove a volte basta cambiare la taglia di un vestito per trasformare un cliente occasionale in un fan.

Risolvere un problema concreto è, da sempre, il modo migliore per assicurarsi la stima di qualcuno.

7) Aumentare Presenza su Google e Social Media

Se avrai completato correttamente gli step precedenti – in particolare il 4, 5 e 6 – il web sarà inondato di UGC.

Gli User Generated Content spontanei valgono oro per ogni business online.

Aumentare la presenza su Google e Social Media non vuol dire soltanto aprire nuove pagine (Facebook, Instagram, Twitter, Linkedin, Pinterest, Business Google etc) per guadagnare facili backlink, ma significa soprattutto accrescere la propria influenza sul web stimolando la produzione di contenuti positivi da parte di utenti soddisfatti.

user generated content statistiche 2019
User Generated Content - Statistiche 2019

8) Proteggere, Motivare e Formare i Dipendenti

E chi sono i primi utenti da soddisfare, quelli che per primi possono parlare bene o male di te?

Glassdoor, Monster, Indeed sono alcuni esempi di portali dove i dipendenti lasciano recensioni sulle aziende per cui lavorano.

Proteggere, motivare e formare i tuoi dipendenti sarà il miglior modo per ricevere commenti positivi, sia durante la permanenza presso la tua azienda che dopo, quando decideranno di fare nuove esperienze.

La felicità dei dipendenti è un ottimo indicatore della buona reputazione di un brand.

9) Incentivare Chi Parla Bene di Te

Ovvero, influencer marketing

Puoi utilizzare Glambassador, che ti consente di promuovere il tuo brand su una rete di micro e macro influencers in Italia e nel mondo.

Oppure puoi impostare un tuo programma di affiliate marketing e native advertising, affinchè gli influencer della tua nicchia parlino bene di te.

Occhio a non gettare il tuo nome in pasto a chiunque.

10) Controllare Competitors

Ora che hai completato tutti i passaggi per aumentare la tua reputazione su Internet, è il momento di volgere lo sguardo fuori dal tuo orticello e monitorare la concorrenza.

Cosa pubblicano i tuoi competitors? 

Come reagiscono alle critiche positive e negative? 

Grazie al monitoring tool di ReputationUP potrai spiare la digital strategy dei tuoi concorrenti su motori di ricerca, social media, blog e forum.

5 Strategie Avanzate di Online Reputation Management

Sai già come gestire la tua reputazione online per monitorare, proteggere e migliorare la tua digital reputation.

Ora è il momento di fare il salto di qualità, superare la concorrenza e diventare leader di mercato.

Queste strategie avanzate di Online Reputation Management (ORM) saranno il tuo passe-partout per scalare la vetta delle aziende top in Italia, a prescindere dal settore in cui operi.

1) Costruire un Piano di Crisis Management

Ogni grande azienda che si rispetti deve avere un piano scritto per poter reagire in modo veloce, sicuro e funzionale a una potenziale crisi.

Ti consigliamo di condividere la guida al Crisis Management con i tuoi dipendenti e studiarla nei dettagli. 

Nel momento del bisogno, sarà il tuo migliore alleato.

statistiche crisis management

2) Utilizzare un Tool di Monitoraggio Reputazione

Direttamente dal sito di ReputationUP puoi registrarti e attivare il Website Checker Monitoring Tool. 

Uno dei nostri manager ti contatterà per ascoltare le tue esigenze e personalizzare il monitoraggio della reputazione

Saprai quindi cosa si dice di te e potrai calibrare in modo scientifico le prossime mosse.

3) Rimuovere Contenuti Diffamanti

L’eliminazione di contenuti negativi è un processo delicato, che può durare dalle 24/48 ore ai 6 mesi, in base al caso specifico.

In alcune occasioni l’urgenza di pulire il web da link diffamanti può essere massima, ad esempio quando si avvicinano i periodi di vacanza per chi si occupa di Hotel Management e Turismo.

perdite finanziarie crisis management social media

4) Reputation Intelligence

Sfrutta la potenza dell’AI per avviare una strategia di Reputation Intelligence.

Ne ricaverai indicazioni importanti su attuali e futuri partner commerciali, dipendenti con ruoli chiave e, infine, scoprirai chi parla male di te e perché.

Esempio concreto.

Rappresenti un gruppo bancario e sei in ballo con la concessione di un prestito multimilionario all’azienda X. 

Prima di concedere il prestito, però, vorresti essere sicuro che l’azienda X sia sana e non abbia nulla da nascondere.

Come fai a saperlo? Usi la Reputation Intelligence.

5) Analisi del rischio reputazionale

Se vuoi prevedere la reazione di un utente, un consumatore, un cliente, un elettore di fronte al tuo nuovo prodotto/servizio/messaggio, allora è opportuno che tu svolga la cosiddetta analisi del rischio reputazionale.

Perché affrontare costose operazioni di Crisis Management, se puoi valutare in anticipo le conseguenze di una tua azione?

Consentimi di essere onesto e trasparente fino in fondo.

Le cinque strategie avanzate di Online Reputation Management non sono gratuite e nemmeno a buon mercato: stai lontano da chi spaccia mirabolanti servizi di ORM per quattro soldi. 

Chi pensa di salvare un patrimonio milionario con pochi euro va contro ogni logica.

Come Migliorare la Tua Reputazione Online con Digital Marketing e ORM

Vuoi rendere davvero efficiente la tua Reputation Strategy

Sii capace di integrare le attività di ORM con le principali aree di Digital Marketing.

Vediamo nel dettaglio quali sono queste macro-aree e come integrarle per migliorare la tua reputazione online.

  • Advanced Search Engine Optimization (SEO)

Che si parli di Voice Search, Mobile SEO o Desktop SEO non importa. 

Ciò che conta è il posizionamento di una determinata informazione su Google.

Se è negativa deve essere rimossa o stare il più lontano possibile dalle prime 3 pagine; se è positiva deve stare il più in alto possibile.

Per far questo avrai bisogno di un team che elimina i contenuti diffamanti e posizioni i contenuti aggiornati.

Tutto il resto è tempo sprecato in chiacchiere su come ottimizzare al meglio un contenuto affinché sia visibile al target giusto.

  • Data Analytics

L’intera vita digitale – tua e della tua azienda – corre sul web sotto forma di dati. Un enorme flusso di dati tramite cui si forma la tua reputazione online.

Se vuoi creare strategie reputazionali incisive, avrai bisogno di un Data e Reputation Specialist che estrapoli il significato nascosto dietro i freddi numeri e lo converta in azioni di successo.

L’enorme giro d’affari del Data Analytics dimostra quanto sia fondamentale questo settore per il futuro delle aziende
  • Social Media Marketing (SMM)

Il tool di monitoraggio di ReputationUP ti permetterà di:

  • Verificare l’efficacia di ciò che condividi 
  • Sapere chi parla male o bene di te sui social 
  • Misurare il tuo Reputation Score 
  • Intercettare i segnali di una potenziale crisi reputazionale.
  • Training

Consentimi di essere tranchant: se la Tecnimont avesse formato i suoi dipendenti, non avrebbe perso 17 milioni di dollari cliccando su una mail falsa.

truffa tecnimont mail falsa mancata formazione

Cari amici della Tecnimont, la formazione promossa da ReputationUP costa molto meno della cifra che avete regalato a chi vi ha truffato.

  • Competition Monitoring

Qualunque sia il tuo ambito lavorativo – dallo sport alla sanità, dallo spettacolo alla politica – esiste un comandamento da non violare mai.

Se conosci il nemico e te stesso, la tua vittoria è sicura.

Conclusioni

In questa guida ti ho mostrato quali sono gli strumenti migliori per condurre una Web Reputation Analysis e come attuare una serie di strategie avanzate per aumentare la tua reputazione online.

Ti ho anche parlato del tool di ReputationUP per monitorare il tuo brand, calcolare il sentiment score e spiare la concorrenza.

Se il tuo obiettivo è quello di analizzare la reputazione del tuo brand per migliorare la percezione che gli utenti hanno di te, condividi questa guida con il tuo team.

Sarà il primo passo verso il successo reputazionale.

Ora è Tempo di Sentire la Tua Voce

Spero che tu abbia ottenuto enorme valore da ‘Website Analysis 101: La Guida Definitiva’.

E ora mi piacerebbe sentire la tua opinione:

Quale strategia della guida di oggi proverai per prima?

Utilizzerai i tools di monitoraggio?

E se sì, quale?

In ogni caso fammelo sapere, scrivendo un breve commento ora.

website reputation analysis guida commenti
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

26 commenti su “Web Reputation Analysis: Come Gestire La Reputazione Online”

  1. Oggi la web reputation vale veramente più dei soldi. Vi ho appena contattato per provare il vostro tool, sono curioso di vedere come funziona. Comunque anche questa guida è super!

  2. Ciao Roberto, grazie per averci contattato. Ti abbiamo risposto sia via telefono che via mail e invitato a testare il tool. Che sarà super, come la guida.

  3. Credo che formare i dipendenti e gratificar gli utenti siano due fasi cruciali per migliorare la propria reputazione online. Go trovato molto interessante la parte relativa all’eliminazione di contenuti negativi. Complimenti per la profondità di pensiero e la completezza delle informazioni.

  4. Grazie Laura, siamo fermamente convinti che le due ricchezze più importanti dell’azienda siano le risorse umane interne (dipendenti) ed esterne (clienti).

  5. Salve sono un imprenditore ramo assicurativo e vorrei formare la mia squadra sul tema della reputazione online: dove trovo maggiori info sui vostri corsi? Grazie

  6. Ho iniziato a usare la demo da poche ore ma posso già dire che è una vera e propria miniera d’oro di informazioni e dati sulla mia reputazione online.

  7. E infatti la reputazione online della Tecnimont è crollata dopo la truffa subita. Bravi, ottimo articolo con tanti esempi concreti. Vi seguo con sempre più interesse.

  8. Nel settore turistico e ricreativo oggi è fondamentale avere una reputazione online perfetta. Vi segnalo che stanno nascendo diverse app che curano in automatico l’immagine dei locali sul web. Cosa ne pensate?

  9. Ciao Gabriella, il futuro della reputazione turistico e alberghiera è online e verrà gestito da software (come il RepUP Monitoring Tool di ReputationUP) in grado di monitorare la reputazione online e intercettare eventuali segnali di crisi reputazionali.

  10. La reputazione online è la nuova carta d’identità, onnicomprensiva di tutto ciò che ci sarà da sapere su chiunque. Una curiosità: quanto costa eliminare un link negativo?

  11. Ciao Jacopo,
    per quantificare il costo di rimozione di un link negativo abbiamo bisogno di conoscere maggiori dettagli.
    Per contattarci scrivici su info@reputationup.com o chiamaci al +39 042 21 26 683​

  12. Massimo Maria Amorosini

    Sarebbe interessante leggere un’analisi sulla reputazione online dei politici italiani…se ne vedrebbero delle belle.

  13. Ciao Massimo, grazie per lo spunto: ti anticipo che un’analisi di questo tipo è già in cantiere.

  14. Ho letto con molta attenzione sia l’analisi su ‘Matteo vs Matteo’ che questa guida sulla reputazione online. Siete veramente al top, complimenti.

  15. Pensavo che il peggior social fosse whatsapp e invece si rivela instagram. Analisi interessante, soprattutto dove si dice che la reputazione online è un valore inestimabile.

  16. Molto interessante la questione del reputation score per misurare la reputazione online. Quanto mi costerebbe conoscere il mio score?

  17. Sulla guida nulla da dire, siete di gran lunga i migliori nel rivelare tutto sulla reputazione online. Vi chiedo due cose in più: quanto costa pulire la reputazione online? In quanto tempo si raggiungono i risultati?

  18. Ciao Donato,
    è impossibile quantificare il costo per pulire la reputazione online di un privato o un’azienda senza sapere quanti link bisogna eliminare.
    Scrivici su info@reputationup.com o chiamaci al 042 21 62 6683

    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

50%

Ci sei quasi! Completa il form per essere contattato

calcolare brand sentiment score

Chiedi la Demo di RepUP per analizzare la tua Reputazione Online